Castelli

Castello di Morsasco

A pochi chilometri da Acqui Terme, si erge maestoso sulle case dell'antico ricetto a cui si accede passando attraverso un'alta porta, ricavata alla base della torre campanaria che presenta ancora le tracce del ponte levatoio. Superata la soglia, si sale seguendo il vicolo in pietra fino alla parrocchiale cinquecentesca dedicata a San Bartolomeo.
Il castello, citato dal XIII secolo, appartenne ai Del Bosco, ai Malaspina, ai Lodron, ai Gonzaga, ai Centurione Scotto e ai Pallavicino.
Nel corso dei secoli ha perso le caratteristiche militari dei primordi, e si presenta, oggi, come una dimora signorile dai grandi saloni e dalle piacevoli sale frutto dell'ampliamento settecentesco. Di grande bellezza è il camino in pietra del Salone Nuovo, fatto realizzare dai Lodron a inizio del ‘500 e la galleria del gioco della Pallacorda (inizio ‘700). La cappella interna, costruita dove un tempo era il pozzo del cortile interno, è dei primi anni del ‘700 ed è dedicata a Santa Caterina da Siena, patrona dei Principi Centurione Scotto. Tra i visitatori illustri del castello si ricorda il passaggio di San Luigi Gonzaga. Dal parco si gode di una bella visione sulle colline del Monferrato.
La Galleria della Pallacorda è chiusa per lavori di restauro. Sono invece visitabili le prigioni del castello all'interno della torre principale.

Caratteristiche della visita

La visita prende avvio dalla porta d'accesso dell'antico ricetto prosegue nel cortile del castello per salire a visitare parte del piano nobile del castello. Si scende nei sotterranei e si prosegue nei granai dove è allestita una collezione di manodomestici del XIX-XX secolo e si conclude nella cantina con le grandi botti (400-300 brente). La visita è generalmente guidata dai proprietari.

Curiosità

MONUMENTI CITTADINI

Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo, Cappella di San Vito

NEI DINTORNI

Terme di Acqui Terme, i castelli dell'Alto Monferrato, cantine vinicole

PRODOTTI TIPICI

Vini (Dolcetto d'Ovada e d'Acqui, Gavi Dogc, Cortese del Monferrato, Moscato d'Asti, Brachetto di Acqui, Passito di Strevi), robiola di Roccaverano, filetto baciato di Ponzone, tartufo Bianco d'Alba

SPORT

Tamburello e calcetto. Nei dintorni equitazione, piscine all'aperto, campi da tennis

 

Servizi

Affitto per eventi, matrimoni, eventi aziendali, meeting.

Eventi

17 marzo: Andar per erbe e castelli;
6-7 aprile: Evento di beneficenza: Pasticceria solidale per gli orfani del Ponte Morandi;
22 aprile: visite straordinarie alle 11.00 ed alle 15.30; 26 maggio: GIORNATA DEI CASTELLI APERTI 2019 - Castelli in giallo;
agosto: Festa patronale;
6 ottobre: Arte e Musica al Castello, inserito nel Festival dei Luoghi Immaginari (www.festivaluoghimmaginari.com)

Informazioni aggiuntive

Ingresso consentito agli animali.

Indietro

2019
Dal 17 marzo al 27 ottobre: aperto sabato e domenica (chiuso a Pasqua ed agosto).
Aperto nelle festività: 22 (visite guidate alle 11.00 ed alle 15.30) e 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno.
Aperto su prenotazione per visitatori individuali (min. 2 persone) e gruppi (min. 10 persone).

Visita guidata alle 15.30.

Visita guidata in italiano (inglese su richiesta). Altre aperture e orari su appuntamento.

Intero 8 €, 10 € (per visite guidate su prenotazione fino a 10 persone); ridotto (10-16 anni, tessera Amici di Castelli Aperti, TCI) 6 €; gruppi (min. 10 persone) 8 €; gratuito fino a 9 anni.

Logo Castelli Aperti