Accoglienza di Castelli Aperti

Castello di San Sebastiano da Po

Il Castello di San Sebastiano è uno spazio della storia, bello e imperfetto. 
Le sue origini risalgono all’alto Medioevo (secolo X), quando il paese faceva parte del Marchesato del Monferrato. I primi documenti relativi all’abitato di San Sebastiano lo pongono sotto la signoria dei Radicati, diventando poi nei secoli successivi teatro delle guerre per la supremazia sul Piemonte, prima fra i Savoia e i marchesi del Monferrato, poi con il coinvolgimento di Spagnoli e Francesi.
Nel 1761 il conte di San Sebastiano, Paolo Federico Novarina, incaricò l’architetto Bernardo Vittone esponente del Barocco piemontese, di ristrutturare l’intero complesso del castello, dopo averlo visto all’opera nell’attigua chiesa parrocchiale.
Il conte Novarina, che fu comandante del reggimento Piemonte, aveva partecipato alla battaglia dell’Assietta, 1747, ed in quell’occasione, per mantenere saldi i suoi soldati di fronte alle truppe francesi predominanti di numero, aveva lanciato la famosa frase: ”Fieui, bugiè nen! (Ragazzi, non muovetevi!)”. Da quest’episodio derivò un termino con il quale ancora oggi vengono chiamati i piemontesi “bougia nèn”, cioè gente che non si muove. Il castello fu meta di illustri visitatori: tra gli altri Napoleone I, visto che il conte Pietro Novarina aveva aderito e sostenuto la Repubblica Francese. In onore dell’imperatore francese fu messa a dimora nel 1810, al suo passaggio, una pianta rara, la ginkgo biolca, ancora oggi esistente. Si narra che nel castello passò anche Cavour, essendo suo segretario ma anche uomo di fiducia del conte proprietario.
All’inizio del sec. XIX il castello vede il suo massimo splendore, quando Pietro Bagetti, pittore ed architetto piemontese, affresca la galleria. Nel 1810 Xavier Kurten, tedesco, architetto di giardini, disegna il parco, che diventò presto campo di studio dell’Università di botanica di Torino. Nel parco è presente un giardino all’italiana con parterre di bossi e rose: nei tempi gloriosi della sua storia, il castello ospitò fino a 3000 specie di piante e fiori. Oggi è ancora presente un frutteto a ricordo dei medioevali pomari, e una serra a fianco del tempietto neoclassico: il quale ha l’unica funzione di contenere l’accesso ad altra sezione del giardino.
Il tinaggio era il locale dove stavano i tini che contenevano l’uva dei vicini vigneti nella fase della fermentazione: la produzione del vino era una grande risorsa del territorio, oggi è possibile tenere deliziosi banchetti in un luogo che conserva ancora i particolari di un tempo.

Curiosità

il territorio circostante

Il Castello di San Sebastiano sorge maestoso fra le Colline del Po ed il Monferrato, a poca distanza da Torino. È una terra da assaporare e da scoprire con attenzione poiché l’accoglienza e l’ospitalità eguagliano la bellezza dei paesaggi che alternano montagna, fiumi, pianura e colline, dove fermarsi per conoscere ed apprezzare uno stile di vita che si rivela nelle tradizioni, nella storia dell’arte, nella ricchezza della cucina e nella nobiltà dei suoi vini. Ogni stagione offre numerose possibilità per vivere appieno questo territorio.
Queste colline, che hanno panorami mozzafiato, contengono altri gioielli architettonici e storici, perché un tempo da qui passava una diramazione della via Francigena, che permetteva ai pellegrini di transitare dalla Francia fino a Roma.
Un territorio, quello del Monferrato, che presenta città antiche, chiese romaniche, castelli, al visitatore attento e sensibile alle bellezze della natura e dell’uomo. Innanzitutto l’abbazia di Vezzolano, documentata dal 1095, ma presente forse già ai tempi di Re Carlomagno: contiene affreschi che datano dal XII secolo, con una rara immagine dell'Incontro dei Tre vivi e dei Tre morti; può essere raggiunta con un percorso di 16 km tra i vigneti ed i boschi. A 10 km c’è l’abbazia di Santa Fede, gioiello del romanico, con una facciata che illustra al visitatore tutta la sua bellezza artistica e la sua antichità. E a 6 km da San Sebastiano ci sono i resti di Industria, antica città dell’Impero Romano, con il foro ed il tempio di Iside.

Servizi

I dettagli, le atmosfere e le sensazioni che il Castello sa regalare ai suoi ospiti, renderanno i vostri eventi unici ed autentici. Idee, assistenza e suggerimenti, sono a disposizione in ogni fase dell'organizzazione e dell'allestimento.
Adiacente al Castello di San Sebastiano Po, c’è la Chiesa barocca dei Santi Cassiano e Sebastiano, ideale per la celebrazione del matrimonio. Per le coppie che scelgono il Rito Civile per il proprio matrimonio, il Castello di San Sebastiano Po può essere la cornice ideale per celebrare il rito, con valore legale, all’interno della Galleria affrescata da Bagetti.
Alla preziosità delle testimonianze storiche di capolavori barocchi si unisce la funzionalità e varietà degli spazi, sia per un piccolo numero di ospiti che per un grande evento.

Per quanto riguarda gli eventi aziendali, congressi o team building, convegni e seminari, al Castello di San Sebastiano ogni forma di incontro business è possibile.
Gli scenari suggestivi, i ricordi storici, l’ambiente rilassante, i piatti tipici e i grandi vini
contribuiscono a far vivere un’esperienza intensa che non lasci solo il ricordo del lavoro.

Il Castello di San Sebastiano Po è inoltre un luogo di soggiorno, nel relax della campagna ma a due passi dalla città di Torino. Le stanze esaltano l'essenzialità e la storicità del luogo, offrono comodità e benessere, senza snaturare l’anima di un castello con mille anni alle spalle. Oltre alle camere, sono a disposizione degli ospiti 3 appartamenti completamente indipendenti con ambienti molto spaziosi e caratterizzati da particolari dell’epoca. Ognuno ha una sua particolarità: BILIARDO offre una scenografica vista sulle colline, TERRAZZO gode di un terrazzo ‘curioso’ nel quale godersi ore di sole e consumare le colazioni, MEZZOGIORNO, si affaccia sul giardino interno, ha soffitti con affreschi dell’Ottocento. In tutti gli alloggi, grazie alla semplicità che offrono, è facile sentirsi a casa.
Il giardino offre la possibilità di apprezzare la bellezza del posto e la tranquillità che solo la natura sa regalare.

Informazioni aggiuntive

Il Castello di San Sebastiano offre un servizio di noleggio biciclette e ebike grazie al quale potrete facilmente muovervi in libertà ammirando le nostre dolci colline. Le biciclette sono prenotabili direttamente in reception, per un noleggio ad ore, mezza giornata o giornata intera. I cicloturisti possono inoltre utilizzare l'officina attrezzata per qualsiasi riparazione.

Accessibile agli ospiti con disabilità.

Ingresso consentito agli animali.

.

Indietro

Per gli ospiti, è inoltre possibile essere condotti in una visita guidata alla scoperta del Castello di San Sebastiano Po.

Logo Castelli Aperti