Castelli

Castello di San Giorgio Monferrato

Il castello è ritenuto il più antico del Monferrato, comparendo in una mappa dell'856. Nato su uno sperone di tufo inaccessibile, dal quale si domina tutta la vallata e la pianura circostante, fu dapprima una torre di avvistamento, corredata poi da granai per le riserve di cibo e da quartieri per la guarigione. Subito sotto al forte si sistemarono, sentendosi protetti, i primi abitanti dell’attuale paese.
Aleramo, il capostipite dei marchesi del Monferrato, ha tenuto qui la sua corte, che al tempo era itinerante. Il castello, abbarbicato in alto sulla collina, era imprendibile per la posizione e per le difese esterne. Inoltre era dotato di un pozzo raggiungibile solo dall’interno attraverso un lungo cunicolo scavato nel tufo, consentendo agli abitanti di resistere agli assedi.
I Feudatari, nel tempo, furono i conti di Lomello, la Chiesa vercellese e Guglielmo VI del Monferrato detto il grande che, nel XIII secolo, rafforzò ulteriormente le fortificazioni con più alte mura a nord. Esse resistettero a numerosi assalti e incendi, in particolare, nel periodo della successione del Monferrato al tempo dei Gonzaga.
Gli ultimi feudatari di San Giorgio, i Gozani, arricchirono il castello della scenografica facciata settecentesca, a masse progressivamente rientranti, del grande scalone ad “u” e dei due archi che segnano gli ingressi a sud e da nord.
Ai Gozani si deve la costruzione nel XVIII secolo, all’interno del giardino pensile, della cappella dalle proporzioni perfette, opera del Ferroggio, allievo dello Juvarra.
All’architetto Bollati (1870) si deve la facciata meridionale dalle forme neogotiche: si tratta di una facciata spezzata in un senso orizzontale, rientrante a formare una terrazza al terzo piano, dalla quale, senza inerpicarsi in cima alla torre, si gode la spettacolare vista dell’arco delle Alpi, dal Monviso fino al Monte Rosa, delle dolci colline monferrine e della pianura lomellina.

Caratteristiche della visita

La visita permette di vedere il piano nobile e gli ambienti principali del castello. I visitatori saranno accompagnati nei diversi ambienti dai proprietari della dimora.

Curiosità

MONUMENTI CITTADINI

Chiesa Parrocchiale di San Giorgio

NeI dintorni

Casale Monferrato, i castelli del Basso Monferrato, cantine vinicole

Prodotti tipicI

Barbera del Monferrato, Barbera d'Asti, Grignolino del Monferrato Casalese, Grignolino d'Asti, Rubino di Cantavenna, Gabiano, Malvasia di Casorzo, tutti D.O.C., Bonarda, Freisa e Moscato e da ultimo, giovane per commercializzazione, ma antico per tradizione, il Barbesino

sport

Piscina al coperto e all’aperto, tennis, calcetto

eventi

Festa patronale di San Giorgio, Riso&Rose a maggio

Servizi

La struttura può essere affittata per eventi privati e matrimoni. Il Castello offre anche alcune camere con servizio bed and breakfast.

Bookshop.  

Eventi

22 aprile: Giochi di Pasquetta;
26 maggio: Giornata dei Castelli Aperti;
Visite animate per bambini: 19 maggio, 23 giugno, 21 luglio, 15 settembre, 13 ottobre;
Juke Box Teatrale: 26 maggio, 30 giugno, 28 luglio, 29 settembre;
1 settembre: Quattro passi tra i nostri vini.

Informazioni aggiuntive

Ingresso consentito agli animali.

Indietro

2019
Visite guidate: 22 e 28 aprile; 5 e 12 maggio; 2, 9 e 16 giugno; 14 luglio; 4 e 11 agosto; 8 settembre; 6 ottobre; alle 11.30, 15.00 e 16.30.
Visita animata per bambini: 19 maggio, 23 giugno, 21 luglio, 15 settembre, 13 ottobre, alle 10.30, 12.00, 15.00 e 16.30.
Juke Box teatrale: 26 maggio, 30 giugno, 29 settembre.
Eventi: 1 settembre.

Aperto su prenotazione per gruppi (min. 10 persone).

Visita guidata, animata o teatralizzata.

Visita guidata dal proprietario su richiesta.

Visita guidata: 8 €.
In occasione di eventi e manifestazioni il biglietto potrebbe subire modifiche.

Logo Castelli Aperti