Castelli

Castello di Aglié

Castelli

Castello di Aglié

Il nucleo originario del castello risale verosimilmente al XII secolo, periodo in cui la dinastia dei San Martino si stava affermando nell’area canavesana. La prima trasformazione dell’originario fortilizio fu operata nel 1646 per volontà del conte Filippo San Martino, secondo un progetto che viene fatto risalire ad Amedeo di Castellamonte.
Alla morte di Filippo di Agliè il castello si presentava come una struttura sostanzialmente simmetrica a due corti, una interna e l’altra aperta verso il borgo; la facciata est era già caratterizzata dalle due torri-padiglione affacciate sul giardino ordinato a parterres.
Nel 1763 il castello fu acquistato dai Savoia come appannaggio del secondogenito di Carlo Emanuele III, Benedetto Maria Maurizio, duca del Chiablese: venne allora intrapreso un nuovo, grandioso progetto di riqualificazione del complesso ad opera dell’architetto Ignazio Birago di Borgaro. Il borgo stesso fu coinvolto nel vasto programma di rinnovamento, con l’edificazione dell’attuale parrocchiale, collegata al castello da una galleria coperta a due piani, tuttora esistente. Birago chiamò ad Agliè artisti cari alla corte torinese: i fratelli Filippo e Ignazio Collino per la statuaria delle fontane, lo stuccatore Giuseppe Bolina per gli apparati decorativi del grande atrio d’ingresso. Furono inoltre sistemati i giardini e il parco, risolto in termini di rigorosa simmetria verde, con uno specchio d’acqua lungo l’asse longitudinale.
Durante la dominazione napoleonica il castello fu trasformato in ospizio, il parco lottizzato e venduto a privati; nel 1823 rientrò nei possedimenti reali e due anni dopo ebbe inizio l’ultimo intervento di aggiornamento degli appartamenti, voluto dal re Carlo Felice. Il castello venne riarredato dagli artisti di corte; lo scultore Giacomo Spalla allestì la Sala Tuscolana, ove sono tuttora collocati i reperti rinvenuti nella villa Rufinella presso Frascati, proprietà di Carlo Felice e della regina Maria Cristina. Nella seconda metà dell’Ottocento fu riallestita la Galleria Verde e portato il parco alla sua consistenza attuale, abbandonando le simmetrie verdi per l’impianto di gusto romantico visibile ancora oggi. Venduto allo Stato nel 1939, il castello è stato destinato a museo di sé stesso, lasciandone immutate strutture e arredi.

Curiosità

UNESCO
Dal 1997 le Residenze Sabaude sono iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.

Servizi

Parcheggi nelle vicinanze
Parcheggi a raso gratuiti nella piazza antistante e nelle vie limitrofe

Accesso disabili
L’ingresso principale è dotato di scivolo in pietra per superare tre gradini. La porta misura 1,2 metri di larghezza.
Il percorso di visita è pienamente accessibile ai disabili motori.

Servizi Educativi
I Servizi Educativi della Direzione regionale Musei Piemonte propongono una vasta offerta di attività didattiche, pensate in funzione delle varie fasce di età e di formazione del pubblico più giovane (0-18 anni).
La proposta didattica è sviluppata in due differenti aree: una riguarda l’offerta formativa per gli studenti, l’altra presenta attività educative da svolgere a distanza.
L’offerta formativa è costituita da visite guidate e laboratori ludico-creativi fruibili nelle sedi museali della Direzione regionale Musei, dove i bambini e i ragazzi, accompagnati dagli insegnanti e dagli educatori museali, hanno modo di scoprire dal vivo la straordinaria varietà e la ricchezza delle nostre collezioni, delle architetture e dei parchi.
Le attività educative da svolgere a distanza, si propongono di far conoscere in particolar modo ai più piccoli, a casa con i genitori o a scuola con l’aiuto degli insegnanti, il patrimonio dei musei e dei luoghi della cultura della Direzione regionale Musei. Le architetture, le sculture, i dipinti, gli oggetti d’arte, la natura, nonché i personaggi che hanno contribuito all’arricchimento di questi luoghi diventano protagonisti di giochi, tutorial per svolgere attività manuali, quiz, indovinelli e schede didattiche, aggiunte, di volta in volta, nell’apposita sezione.
Il materiale proposto permette di fornire al giovane pubblico un primo approccio al museo, un incontro per iniziare a veicolare contenuti che ci auguriamo possano essere poi fruiti dal vivo mediante l’esperienza della visita in museo.

Indietro

2022
ORARI CASTELLO
sabato e domenica
dalle 9.00 alle 12.00 (ultimo ingresso 12.00) e dalle 14.00 alle 19.00 (ultimo ingresso 18.00)
dal 23 maggio 2021 ogni domenica orario continuato dalle 9.00 alle 19.00 (ultimo ingresso 18.00)
da lunedì a venerdì
chiuso

Prenotazione obbligatoria per le visite al Castello e per le visite alla mostra temporanea “Lettera 22”.

Visite accompagnate in gruppo, max 25 persone, con partenza ogni ora dalle ore 9.00

Prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; tel. 0124 330102 (servizio attivo da lunedì a sabato dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00).

E’ necessario presentarsi in biglietteria circa 15 minuti prima dell’orario in cui è stata prenotata la visita.
In considerazione delle possibili difficoltà di organizzazione del servizio a causa dell’emergenza epidemiologica in corso, è consigliato contattare il Castello (0124 330102) per la conferma dei giorni e degli orari di apertura.

ORARI GIARDINI E PARCO

sabato e domenica
dalle 9.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.00)
da lunedì a venerdì
chiuso

Visita libera, prenotazione non necessaria

L’accesso al Parco e al Giardino è gratuito per i residenti nel Comune di Agliè (è necessaria l’esibizione di un documento attestante la residenza)

IMPORTANTE: In considerazione di possibili esigenze di servizio, si consigliato di contattare telefonicamente la struttura per la conferma di giorni e orari di apertura.

Visita libera, prenotazione non necessaria

L’accesso al Parco e al Giardino è gratuito per i residenti nel Comune di Agliè (è necessaria l’esibizione di un documento attestante la residenza)

Biglietti (dal 01.01.2022)

Castello
da 1 a 2 percorsi di visita 8,00 Euro
da 3 a 5 percorsi di visita 12,00 Euro
Giardino 3,00 Euro
Parco+Giardino 5,00 Euro
Castello (da 1 a 2 percorsi)+Parco+Giardino 12,00 Euro
Castello (da 3 a 5 percorsi)+Parco+Giardino 15,00 Euro

Ridotto 2,00 Euro per i ragazzi dai 18 ai 25 anni

L’accesso al Parco e al Giardino è gratuito per i residenti nel Comune di Agliè (è necessaria l’esibizione di un documento attestante la residenza)

Gratuito per:
i minori di 18 anni;
docenti delle scuole italiane pubbliche e private paritarie con presentazione della certificazione del proprio stato di docente;
studenti delle facoltà di Architettura, Lettere e Filosofia;
titolari dell’Abbonamento Musei e Torino+Piemonte Card;
personale Ministero della Cultura;
membri ICOM;
giornalisti muniti di tessera professionale;
persone con disabilità e relativi accompagnatori.

Al momento, in attesa dell’attivazione dei dispositivi POS, il pagamento deve essere effettuato in contanti.

Info: tel. 0124 330102
In caso di condizioni meteorologiche avverse l’apertura dei giardini e del parco potrebbe non essere assicurata. Si consiglia di contattare la sede museale al numero 0124 330102 per la conferma dell’effettiva apertura. Nelle giornate a ingresso gratuito e nelle giornate di particolare afflusso potrebbe non essere garantita la visita ai percorsi aggiuntivi “Appartamento del Re” e “Cucine”, al fine di consentire la possibilità di visita del percorso ordinario a un maggior numero di persone.

Logo Castelli Aperti