Castelli Aperti: gli appuntamenti di domenica 26 luglio

Prosegue la rassegna Castelli Aperti che raccoglie nel suo circuito un patrimonio formato da castelli, palazzi, ville, torri, giardini, musei ed itinerari storici ed artistici diffuso su tutto il territorio piemontese.
Il 26 luglio sono tanti i beni che apriranno le porte ai visitatori per una domenica all’insegna di arte e cultura.

In provincia di Alessandria, dopo la chiusura forzata dovuta all’emergenza sanitaria sarà finalmente e nuovamente visitabile il castello di Rocca Grimalda. Il castello, costruito alla sommità di uno sperone roccioso, si trova in un luogo strategicamente importante, sia perché facilmente difendibile, sia perché posto a controllo delle strade tra l'Oltregiogo ovadese e la pianura alessandrina, in un'area di forti contrasti tra il Monferrato e la Liguria. La costruzione del castello si è sviluppata nei secoli intorno alla possente torre circolare databile tra il XII XIII secolo. Costituito inizialmente da una struttura destinata alle truppe di sorveglianza, il castello viene trasformato in residenza nobiliare dalla famiglia alessandrina dei Trotti intorno alla metà del '400. Successivamente, i Grimaldi, illustri patrizi genovesi, lo acquistano nel 1570 e vi risiedono per più di 200 anni, completandone la costruzione alla fine del 1700 con la maestosa facciata occidentale. Il giardino risale alla metà del '700 quando Battista Grimaldi decide di ampliare lo spazio antistante al castello per creare, uno splendido belvedere sulla valle dell'Orba. Recentemente restaurato, è diviso in 3 parti secondo lo schema barocco: il giardino all'italiana, il boschetto o giardino romantico, e il giardino segreto con erbe aromatiche e officinali, di ispirazione monastico medievale.
Le visite al castello partono ogni ora dalle 15.00 alle 18.00 e sono guidate dai proprietari. E’ consigliata la prenotazione al 334 3387659 o al 334 1574751.
Per chi preferisce invece visitare uno splendido borgo, a Ozzano Monferrato, l’ufficio turistico propone visite guidate dell'area di archeologia industriale, con il Museo dedicato, alle ore 10.00 e alle ore 15.00.

In provincia di Asti, domenica 26 luglio ultima possibilità di visitare la mostra con i paesaggi langaroli del pittore albese Libero Nada, esposti nelle sale del piano terreno del castello di Monastero Bormida. L’esposizione è aperta dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15,00 alle 19,00. L’ingresso è libero e gratuito.
Riapre anche la torre dei segnali di Viarigi con visite guidate e gratuite dalle 16.00 alle 18.30. A Castelnuovo Calcea si può passeggiare liberamente e gratuitamente nell’area dell’antico castello aperta dalle 10.00 alle 19.00 mentre a Moncalvo si può scoprire il paese e il suo castello grazie alla guida di pannelli espositivi che partono dall’Ufficio Turistico.

In provincia di Cuneo si consiglia la consueta visita mensile al parco del castello di Sanfré durante le quali verranno illustrate anche la storia e l’architettura della possente dimora storica. Partenze ore 15.00, 16.00, 17.00; gruppi max. 20 persone munite di mascherine; durata 45 minuti; visite dei saloni interni: ore 15.50, 16.50, 17.50; gruppi max. 10 persone munite di mascherine; durata 30 minuti; prenotazione fortemente consigliata al 338 6413535, 0172 58129.
Per chi vuole visitare una mostra in un meraviglioso contesto architettonico e storico al Filatoio di Caraglio prosegue “Un set alla moda. Un secolo di cinema italiano tra fotografie e costumi” a cura di Domenico De Gaetano. L’esposizione è concepita per far rivivere ai visitatori l’anima più autentica del cinema italiano, la sua storia, i film, i divi e i protagonisti, attraverso 17 costumi di scena e 70 suggestive fotografie di set. (dalle 10 alle 19; biglietti: intero 7 euro; ridotto 5 euro. Ingresso gratuito per i possessori di Abbonamento Musei Piemonte).

In provincia di Torino aprono due meravigliose dimore storiche: il castello di La Loggia e il castello di Foglizzo.
Il Castello Galli di La Loggia è probabilmente l'edificio più antico della città, oggi è molto difficile distinguere nella struttura le tracce della fortezza feudale, nata per difendere il territorio. Con il passare del tempo si è trasformato, grazie alla famiglia Galli, da severa fortezza a luogo famigliare. Oggi la parte nord del castello ha conservato il carattere medioevale, mentre la facciata sud è stata rifatta nei primi anni del 1700. Le visite guidate partono ogni ora dalle 15.00 alle 18.00. Prenotazione consigliata al 339 2629368 o all’indirizzo mail info@castelliaperti.it
Il castello di Foglizzo, da quest’anno nel circuito di Castelli Aperti, propone percorsi guidati nel pomeriggio, con partenza alle ore 15, 16 e 17. L’ingresso sarà unicamente consentito ai visitatori muniti di mascherina. E’ fortemente consigliata la prenotazione al 339 2629368 o all’indirizzo mail info@castelliaperti.it

In provincia di Vercelli, il castello di Buronzo, propone alle ore 15.00 la visita tematica “Gli inquilini silenziosi. Storie di dèi ed eroi nel castello in età barocca". Prenotazione obbligatoria. al 3479358313 o mail info@castellodiburonzo.it.
A Verbania sono sempre aperti i giardini di Villa Taranto, un'affascinante esperienza sensoriale ed emozionale che si snoda nei 16 ettari del parco in cui si ammirano 20.000 piante di particolare valenza botanica, più di 80.000 bulbose in fiore ed oltre 150.000 piantine di bordura che vanno a tappezzare le numerose aiuole. Le visite sono libere e le piante nomenclate.

Per tutte le altre aperture e gli orari di domenica 26 luglio in Piemonte consultare la sezione CALENDARIO

Logo Castelli Aperti