Castelli Aperti
 

 

Itinerario di Grazzano Badoglio

Itinerario di Grazzano Badoglio

Cenni storici
Si può ipotizzare che il nome del paese risalga a legionario romano Gratius, parte delle compagini militari che penetrarono in terra monferrina tra il 125 e il 123 a.C. Il legionario fu probabilmente ricompensato con la donazione di un fundus, che avrebbe preso il nome di Gratianus.
A conferma delle radici romane si conserva nella vecchia casa parrocchiale, una stele funeraria del profumiere Titus Vettius Hermes, datata al II secolo d.C.
Con la decadenza dell'impero romano, anche il Monferrato fu teatro di scorribande da parte di popolazioni barbariche: Goti, Visigoti, Longobardi, Franchi, più tardi Ungari e infine Saraceni costrinsero gli abitanti ad abbandonare le case di fondovalle per cercare rifugio in località più elevate e sicure. Nasce così la conformazione del centro storico di Grazzano, raccolto nel ricetto attorno al suo castrum, poi abbazia.
La fortuna di Grazzano medievale inizia con la donazione del marchese Aleramo (961) di cospicui beni all'abbazia da lui stesso fondata pochi anni prima e affidato alle cure dei Benedettini.
Alla sua morte (prima del 991) Aleramo fu sepolto nell'abbazia di Grazzano, probabilmente sotto al porticato antistante l'antica chiesa. Il monastero grazzanese non mancò mai il favore dei marchesi di Monferrato e dei loro protettori e il potere dell'abate di Grazzano incominciò a crescere, fino ad assumere i caratteri di vera e propria signoria feudale.
All'inizio del XVI secolo però i Benedettini lasciarono l'abbazia, affidata a un abate commendatario perpetuo, nominato dai Gonzaga prima e dai Savoia poi. La prima metà del Seicento vede Grazzano coinvolto nelle lunghe e devastanti guerre per la successione al Ducato di Mantova.
Si arriva poi nel Novecento, quando nell'aprile 1935 Grazzano - dal 1868 Grazzano Monferrato - passava alla nuova provincia di Asti, la cui costituzione fu caldeggiata da Pietro Badoglio, nativo del paese (28 settembre 1871). Il Maresciallo d'Italia dal 1926, grado più alto della gerarchia militare italiana, fu chiamato a comandare le truppe italiane impegnate nella campagna in Africa Orientale. In meno di sei mesi terminò la conquista dell'Abissinia, con l'entrata a Addis Abeba il 5 maggio 1936.
In segno di sommo rispetto per l'illustre figlio, Grazzano Monferrato cambiava denominazione, in Grazzano Badoglio (RD 27 febbraio 1939, n. 537).
Durante la Seconda Grande Guerra, la nomina di Badoglio alla guida di un governo "democratico" dopo oltre vent'anni di dittatura accese di giusto orgoglio il paese e di illusoria speranza l'intera nazione. Gli anni più drammatici furono quelli successivi all'armistizio del settembre 1943: 600 giorni in cui la Repubblica sociale, scatenò una violenta campagna d'odio verso il vecchio Maresciallo che portò anche a sopprimere - provvisoriamente - il determinativo "Badoglio" dal nome del Comune. Ritiratosi a vita privata, Badoglio morì a Grazzano il 1° novembre 1956. I funerali si svolsero con grande solennità a Grazzano il 3 novembre. Riposa nella cappella di famiglia nel cimitero del paese natale.


Caratteristiche della visita
Il percorso di visita a Grazzano Badoglio si suddivide in due distinti siti (è possibile visitare entrambi o anche solo uno):
LA CASA MUSEO BADOGLIO: ospitato nella casa natale del maresciallo Badoglio, è proprietà della Fondazione Badoglio, e gestito dal Centro culturale "Pietro Badoglio". Il Museo si sviluppa su sette sale e due corridoi per offrire ai visitatori fotografie, giornali d'epoca, libri, documenti, uniformi, armi, cimeli coloniali... in ambienti significativi della vita privata del maresciallo: camera da letto, l'antico salotto, la biblioteca...

LA CHIESA PARROCCHIALE: antica chiesa abbaziale fondata nel X secolo dal marchese Aleramo. A navata unica in stile barocco con tre cappelle per lato. Nella cappella della Madonna del Rosario è conservata la tomba di Aleramo, con frammento di mosaico pavimentale bicromo. Alle pareti due affreschi attribuiti a Guglielmo Caccia. Una lapide ricorda la traslazione delle ossa di Aleramo dalla chiesa vecchia, avvenuta nel 1581. Nella Cappella dei Gesuiti, giuspatronato dei Gonzaga, si ammira una pala d'altare di Andrea Pozzo (1670-1675). Dietro l'altare si ammira un bellissimo coro in noce (1591).

 

Curiosità
Monumenti cittadini: chiesa di S. Spirito di epoca ‘600-‘700 (Discesa dello Spirito Santo opera del Caccia entro un'imponente cornice lignea istoriata e scolpita, forse progettata dallo stesso artista); chiesa della Madonna dei Monti, fuori Grazzano Badoglio, si fa risalire all'epoca degli Aleramici; "Fondazione Maresciallo d'Italia Pietro Badoglio", trasformata negli anni da Ente Morale con RD 16 luglio 1941, a asilo, a casa di riposo; Centro culturale Pietro Badoglio; Circolo Combattenti; Casa del Reduce, intitolata al generale Pietro Badoglio, fu inaugurata nel 1925; monumento ai Caduti; stele a Badoglio; monumenti ai partigiani;
Cippo in memoria di Pininfarina, in ricordo dell'industriale Giovanni Battista Farina detto Pinin, cittadino onorario di Grazzano Badoglio. Pininfarina (1893-1966) si era sempre dimostrato ammiratore e amico del maresciallo Badoglio, tanto da promuovere la prima celebrazione post mortem nel giugno 1953. Successivamente fece progettare il monumento-stele sul colle della Madonna dei Monti inaugurato nel 1964 e realizzò a proprie spese la nuova strada panoramica inaugurata nel 1966 e a lui intitolata. Contemporaneamente promosse importanti restauri al locale santuario della Madonna del Carmelo.

Nei dintorni: itinerario cittadino di Moncalvo, castello dei conti Amico di Castell'Alfero, Torre di Viarigi (aderente a Castelli Aperti); Parco e Santuario di Serralunga di Crea

Prodotti tipici: vini del Monferrato: barbera, grignolino, freisa, cortese, malvasia, moscato; tartufi bianchi e neri; salame al barbera, salame cotto monferrino;
fritto misto (la fricia), agnolotti al sugo di arrosto, bollito misto, bagna cauda, torta di mele e di zucca e bunet; storico artigianato locale i "subiet" (fischietti) in argilla; infernot;

Sport: tamburello; percorsi a piedi, in bicicletta e a cavallo; area verde con 3 km di sentieri tracciati; campo da calcio e tennis


Eventi: MANIFESTAZIONI 2012 A GRAZZANO BADOGLIO

11 Marzo: GOLOSARIA organizzata dal Club Papillon di Paolo Massobrio:
Dalle ore 11 "I GIARDINI DI MARZO" Visite guidate (ogni 30 minuti) di giardini, corti e cortili delle più importanti dimore di Grazzano Badoglio:
* Chiostro dell'abbazia aleramica: inaugurazione del nuovo orto benedettino
* Casa Badoglio, visita del Museo
* Tenuta Santa Caterina, antica dimora della potente famiglia Plebano, poi di proprietà Cotti e meravigliosamente restaurato dall'attuale proprietà
* Casa Della Chiesa Morra, attualmente di proprietà Gugliotta Brion
* Casa Redoglia, già antico convento e scuola delle suore di Nevers.


25 Aprile: Inaugurazione della Rassegna Castelli Aperti e in contemporanea "CAMMINARE IL MONFERRATO" passeggiata non competitiva su sentieri segnalati dal CAI all'interno del territorio comunale, organizzata da Ente Parco di Crea in collaborazione con Comune e Pro Loco di Grazzano. Appuntamento in piazza Cotti alle ore 15 e partenza con guida.
Per l'occasione a tutti i visitatori paganti del Museo Badoglio sarà offerto "il caffè del Maresciallo" e l'orario di visita di Museo e Chiesa Parrocchiale con abbazia aleramica sarà prolungato fino alle 18,30.


Tutti i sabati di Luglio: "IL SUOL D'ALERAMO" XXII Rassegna di spettacoli e concerti in collaborazione con la Pro Loco ed il Patrocinio di Provincia di Asti e Regione Piemonte.
Prima degli spettacoli, alle ore 20,30 cena con piatti e vini tipici dei nostri produttori a cura della Pro Loco.


Venerdì 27 luglio ore 18,30 "STRABARBERA.DOC" IV edizione corsa podistica tra le colline e i vigneti candidati a Patrimonio UNESCO organizzata dalla Pro Loco di Grazzano, a tutti i partecipanti sarà offerta una bottiglia di barbera dei nostri produttori.


8 e 9 Settembre partecipazione al Festival delle sagre di Asti, sfilata contadina e presentazione del piatto "soma d'aj con vino e uva".


4 novembre: Festa dell'Unità d'Italia

 

 

RICERCA AVANZATA

Tipologia

Provincia

Struttura

PHOTO GALLERY

APERTURE

2014

DATE DI APERTURA
9 marzo dalle ore 11 alle 17
6 aprile dalle 15 alle 17,30
25 aprile dalle 16 alle 18
4 maggio dalle 15 alle 17,30
1 giugno dalle 15 alle 17,30
6 luglio dalle 15 alle 17,30
3 agosto dalle 15 alle 17,30
7 settembre dalle 15 alle 17,30
5 ottobre dalle 15 alle 17,30
2 novembre dalle 15 alle 17,30
9 novembre 15,30 alle 17,30


ORARIO:
dalle 15 alle 17,30, salvo diversamente specificato

 

MODALITA' DI VISITA: guidata

 

COSTO BIGLIETTO:
Museo Badoglio ingresso € 3,00 bambini fino a 12 anni gratuito
Scuole ingresso gratuito

Aperto su appuntamento anche solo 2 persone e per gruppi

Chiesa Parrocchiale ingesso a offerta
Aperto su appuntamento per gruppi

 

EVENTI
DOMENICA 9 MARZO GOLOSARIA IN MONFERRATO A GRAZZANO BADOGLIO
AVRA' LUOGO "I GIARDINI DI MARZO" Dalle 11 alle 17 apertura di Museo, Chiesa
Parrocchiale e delle corti delle più belle dimore grazzanesi. In ogni sito possibilità di assaggi dei produttori vitivinicoli grazzanesi. Apertura di cinque INFERNOT tipiche cantine scavate nel tufo, sotto il livello della strada. Alle ore 17 chiusura della manifestazione GOLOSARIA presso il chiostro della chiesa parrocchiale SS. Vittore e Corona con distribuzione della zuppa dell'abate e della torta di Aleramo.

VENERDI' 25 APRILE CAMMINARE IL MONFERRATO passeggiata non competitiva su sentieri del nostro territorio. Partenza alle ore 15 dalla Piazza Cotti. Con guida naturalistica ed esperta in storia locale. Arrivo nel cortile di Casa Badoglio. Apertura dalle ore 16 di Museo e Chiesa Parrocchiale.


Le strutture aderiscono alla Giornata Europea del Patrimonio con ingresso gratuito (28 settembre)

 

 

 


INFORMAZIONI

ITINERARIO DI GRAZZANO BADOGLIO

14035 Grazzano Badoglio (AT)
Tel: +39 0141 925455
Fax: +39 0141 925456
Email: grazzano.badoglio@reteunitaria.piemonte.it, museobadoglio@libero.it
Web: www.comune.grazzanobadoglio.at.it, www.museobadoglio.altervista.org

Seguici su facebook
 
 

Castelli Aperti 2014 - P.Iva 22458912647758 - Powered by Blulab