Dimore e Giardini di Liguria

Villa Faraggiana ad Albissola Marina

Villa Faraggiana venne edificata nella prima metà del XVIII secolo su commissione del nobile genovese Gerolamo Durazzo come dimora deputata alla villeggiatura.
La Villa rimase di proprietà Durazzo fino al 1821, anno in cui fu venduta ai nobili liguri Faraggiana che si trasferiranno a Novara intorno alla metà dell'Ottocento.
L'ultimo proprietario, Alessandro Faraggiana, discendente diretto della famiglia, nato nel 1876 e morto senza eredi proprio ad Albissola Marina il 2 dicembre 1961, lascia in eredità al Comune di Novara la Villa ed un ingente patrimonio.
Successivamente la Villa è stata aperta al pubblico a significare "il valore della testimonianza del costume di un'epoca". All’interno tra gli ambienti più belli va citata la Galleria delle Quattro Stagioni, adibita a feste e cerimonie che usualmente si svolgevano nella nobiliare dimora dei Durazzo, è caratterizzata da cicli affrescati con episodi della vita di Diana, da sculture intagliate dal genovese Filippo Parodi, datate al 1667, Lo specchio di Narciso e le Quattro stagioni, da cui prende il nome il luogo, e da un caratteristico pavimento in piastrelle di maiolica policroma. Le quattro stagioni sono rappresentate attraverso le quattro divinità corrispondenti: Flora, Cerere, Bacco e Saturno, secondo alcuni studi tali opere, in origine, avrebbero dovuto essere semplicemente candelabri. Nell’ala di levante spicca la Cappella dedicata a N.S. di Misericordia, la cui apparizione è raffigurata sopra l’altare nell’affresco, datato 1736, del pittore savonese Gio Agostino Ratti. Al piano nobile si ammirano anche la sala della musica, la biblioteca, la stanza da letto con il pregadio ed i prestigiosi mobili dorati dell’ebanista E. T. Peters ed infine la stanza da letto ornata di pregevoli stucchi policromi aettecenteschi in cui risalta il raffinato letto a baldacchino rivestito di seta ricamata.

Il vasto giardino voluto dai Durazzo è caratterizzato dall'unione tra diversi stili, dal giardino all'italiana (con precisi interventi simmetrici e sistemazione di sculture e fontane), al giardino alla francese (disegni del giardino studiati per permettere un'ampia visuale dell'intera area) e all'adeguamento pratico per via della caratteristica morfologia ligure "a terrazze".
Una scelta leggermente diversa fu voluta invece dalla famiglia Faraggiana che scelsero di adibire il giardino quasi ad azienda agricola familiare con la produzione e vendita di prodotti naturali (cereali, vino e olio di oliva).

Servizi

La Villa ed il giardino possono ospitare eventi, cerimonie e matrimoni.

Nell'Ala di levante della Villa, una serie di eleganti sale collegate possono ospitare, in qualsiasi condizione climatica, oltre a ricevimenti, anche riunioni, mostre, piccole presentazioni.
Nel giardino sono state attrezzate eleganti strutture a gazebo dove è possibile organizzare pranzi o cene per un massimo di 180 invitati. Seduto al tavolo, in un ambiente esclusivo e ricercato, lo sguardo potrà apprezzare la meravigliosa Galleria delle Stagioni che affianca i gazebo in tutta la loro lunghezza.

Villa Faraggiana è stata eletta Casa Comunale e può quindi offrire una prestigiosa opportunità alle coppie che decidono di celebrare il loro matrimonio con Rito Civile.

Indietro

Aperto dal 25 Marzo al 30 Settembre, dal martedì alla domenica.
Villa Faraggiana sarà chiusa al pubblico nei seguenti giorni: 5 e 25 maggio; 9, 10, 16, 18, 23, 24 e 30 giugno; 7, 14, 21, 22, 28 e 29 luglio; 4, 11, 18 e 25 agosto; 1, 6, 8, 21, 22 e 29 settembre; 6 e 13 ottobre.
La Direzione si riserva facoltà di chiudere l’accesso o apportare modifiche all’orario di visita. Nei giorni di sabato e domenica si consiglia di telefonare per avere conferma dell’apertura.

15.00-19.00 (ultima visita 18.15).
Aperto per gruppi e scolaresche su richiesta.

Visita guidata.

Logo Castelli Aperti

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra politica sui cookie.