Palazzi

Palazzo dei Principi di Masserano

Il Palazzo Ferrero Fieschi costituisce un vero e proprio tesoro nascosto del territorio biellese. L’esterno semplice e austero cela agli occhi dei passanti la preziosità dell’interno, riccamente decorato: stanze affrescate, soffitti a cassettoni decorati e pregevoli stucchi rendono il Palazzo una vera e propria reggia, degna residenza di una famiglia principesca. Prima della sua vendita al Comune di Masserano nel 1867, il Palazzo costituiva infatti la residenza della famiglia Ferrero Fieschi, che edificò il Palazzo tra la fine del XVI secolo e la seconda metà del XVII secolo.
Il primo nucleo del Palazzo, sorto ad opera di Claudia di Savoia Racconigi e del figlio Francesco Filiberto tra la fine del XVI secolo e gli inizi del XVII secolo, è articolato su due livelli e comprende le prime quattro sale del piano nobile e le stanze del secondo piano e del Torrione, oggi purtroppo non visitabili. Le sale del piano nobile sono caratterizzate dai bellissimi cassettoni lignei del soffitto, tutti decorati a tempera, e dalle pitture a fresco che ornano la parte alta delle pareti, con una fascia decorativa in cui si aprono cartelle con la raffigurazione di episodi biblici.
Nella prima delle quattro sale è oggi custodito il preziosissimo altare ligneo della Chiesa di San Teonesto, trasportato qui negli anni Sessanta del Novecento, ed opera dello scultore Bartolomeo Tiberino d'Arona.
Il secondo nucleo del Palazzo è costituito dagli ampliamenti voluti dal nipote di Claudia, il principe Paolo Besso, e comprende: due sale di rappresentanza (la Sala degli Eroi e delle Eroine e la Sala dello Zodiaco) e tre stanze minori a carattere più privato (la Saletta dell'Aurora, la Saletta delle Arti, probabile studio del Principe, e il Gabinetto dell’Alcova). La critica attribuisce il fregio della Sala degli Eroi e delle Eroine, così detta per le scene tratte da episodi di storia greca e romana, a Carlo Francesco Nuvolone, mentre gli affreschi della Sala dello Zodiaco sono ritenuti opera di Ercole Procaccini il Giovane. Alle pitture del soffitto a cassettoni di quest’ultima sala, raffiguranti le dodici divinità dell’Olimpo, avrebbe invece lavorato Federico Bianchi, genero di Ercole.
Sempre in questa sala si trova un monumentale camino in marmo nero, sormontato da un ricco apparato decorativo in stucco, in cui è incastonata una tela raffigurante Marco Curzio che si getta nella voragine, episodio tratto dal settimo libro dell’Ab Urbe Condita di Tito Livio.
Gli stucchi del camino, così come l’apparato decorativo, sempre in stucco, che orna il fregio dello Zodiaco, vanno messi in rapporto con le decorazioni della Galleria, la quale costituisce il terzo nucleo di edificazione del Palazzo, voluto da Francesco Ludovico Ferrero Fieschi e da Francesca Maria Cristina Simiana di Pianezza in occasione del loro matrimonio avvenuto il 2 agosto 1660. Oggi purtroppo divisa in stanzette e visitabile solo nella prima parte, la galleria è lunga ben 41 metri, con una volta a sesto ribassato interamente coperta di stucchi, e termina con la cappella privata del principe. Il modello per questa galleria è costituito da una delle due gallerie presenti un tempo nel Castello del Valentino a Torino e anche l’apparato decorativo a stucco presenta notevoli assonanze, tanto che studi recenti hanno attribuito gli stucchi di Masserano a Giovan Luca Corbellino da Lugano, attivo negli stessi anni proprio al Valentino.
Concludono il percorso all'interno del Palazzo tre stanze forse facenti parte dell’appartamento privato del Principe: la Sala di Eolo, la Sala di Plutone e Proserpina e la Sala delle Allegorie, così detta per la raffigurazione sulla volta delle Allegorie dei Cinque Sensi. Le pitture delle prime due stanze andrebbero riferite, secondo gli studiosi, a Carlo Francesco e al fratello Giuseppe Nuvolone, coeve quindi alla decorazione della Sala degli Eroi e delle Eroine.

Caratteristiche della visita

Il visitatore ha diritto, compreso nel biglietto d’ingresso, alla visita guidata al Palazzo dei Principi e agli siti del Polo Museale Masseranese: la Chiesa Collegiata, la Chiesa di Santo Spirito e la Chiesa di San Teonesto.

Curiosità

MONUMENTI CITTADINI
Borgo storico con i Palazzi nobiliari di Masserano, e gli altri siti del Polo Museale Masseranese: la Chiesa Collegiata (XV sec.), l’ex Chiesa di San Teonesto (XI sec. circa), la Chiesa di Santo Spirito (XVII sec.).

NEI DINTORNI
La Via della Croce di Rongio ovvero un Parco di Sculture di arte contemporanea, che raffigurano le stazioni della Via Crucis.

PRODOTTI TIPICI
Produzione vinicola di Bramaterra.

SPORT
Due centri Ippici e l’attività di MTB Tour Rive Rosse (accompagnano turisti ed appassionati sul proprio territorio di competenza, descrivendone i principali aspetti naturalistici, storici e culturali dando la possibilità a tutti, professionisti e non, di fare escursioni guidate, in totale sicurezza, alla scoperta di nuovi e fantastici percorsi avvicinandosi alla Mountain Bike rispettando la natura e valorizzandone le meraviglie).

Servizi

Il Polo Museale Masseranese oltre ad organizzare visite guidate nel Palazzo dei Principi, affitta la Reggia per eventi, matrimoni, meeting ed eventi aziendali.
Piccolo bookshop.

Eventi

13 maggio 2018 GIORNATA DEI CASTELLI APERTI
Apertura 14.30-18.00 con visite guidate.

2 aprile: Pasquetta al Polo Museale Masseranese, apertura straordinaria (14.30-18.00).​
7 aprile: “Giovenone e il Rinascimento a Masserano”, alle 15.30 visita tematica dedicata all'artista rinascimentale Gerolamo Giovenone.
8 aprile: visite guidate del Palazzo dei Principi, per l’occasione del II anniversario del Museo sarà aperta l’antica Sala del Trono.
21 e 22 aprile: "Fiori nell'Arte", alle 17.00 visita tematica sui fiori presenti nelle decorazioni del Palazzo dei Principi di Masserano, inoltre degusteremo alcuni piatti durante la visita dove i fiori sono protagonisti.
25 aprile: Delizie settecentesche alla Reggia, con il Ventaglio d'Argento. Delizie, cioccolatiere e prelibatezze della Corte Sabauda del Settecento, raccontate da nobili dame e gentiluomini, vi attendono al Palazzo dei Principi di Masserano con aneddoti, curiosità ed eleganti danze barocche. Rievocazione d'epoca unita a visite guidate in cui si visiteranno tutti i siti del Museo: primo turno 14.30; secondo turno 15.30; terzo turno 16.30.
28 aprile: ​Festa di Primavera con Incontri d'Arte, dalle 16.00 inaugurazione presso l’ex chiesa di san Teonesto di una Mostra di pittura ad ingresso libero.
30 aprile e 1 maggio: apertura straordinaria con visite guidate (14.30-18.00). Ingresso libero alla Mostra di pittura presso san Teonesto.

Indietro

2018
Da aprile: sabato e domenica.
Aperto nelle festività: Pasquetta; 25 aprile; 1 maggio; 2 giugno; 1 novembre; 8 dicembre.

Aperto su prenotazione per visitatori individuali (min. 2 persone) e gruppi.

14.30-18.00

Visita guidata.

Intero € 5;
ridotto (7-14 anni) e scuole € 3,5 (con laboratorio);
gratuito fino a 6 anni, disabili.

Logo Castelli Aperti

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra politica sui cookie.