Musei

Castello dei Paleologi - Museo Civico Archeologico di Acqui Terme

Il Museo è ospitato nell'antico castello detto dei Paleologi, dal nome della dinastia che mantenne per secoli il dominio sul Monferrato.

L'antica Aquae Statiellae, nota probabilmente già nel II sec. a.C., era una città dotata di importanti impianti monumentali: acquedotto, teatro, anfiteatro, foro e terme. Le sue acque termali erano famose, tanto che Plinio annoverava le sue terme tra le migliori dell'impero.

La costruzione del castello si data probabilmente all'XI secolo. Residenza dei vescovi-conti di Acqui fino alla metà del XIII secolo, divenne in seguito roccaforte del borgo medievale di Acqui e sede dei Governatori della città per passare poi, dalla fine del XIII sec., ai marchesi Paleologi.

Nel 1430 Acqui Terme venne conquistata dagli Sforza. Con il ritorno al governo dei marchesi del Monferrato il castello venne riedificato e, nel 1533, passò ai Gonzaga di Mantova. Tra Cinque e Seicento subì vari attacchi da parte dei francesi e degli spagnoli che lo distrussero. La prima ricostruzione avvenne nel 1663 e si concluse nel 1815 da parte di Vittorio Emanuele I.

Caratteristiche della visita

Il nuovo allestimento museale risale al 2001 e consente al visitatore di percorrere un itinerario storico dalla preistoria al Medioevo.

Le prime sale sono dedicate alla preistoria e alla protostoria, mentre nella successiva sezione romana sono raccolti reperti provenienti da impianti monumentali e residenziali della città, raffinati corredi delle necropoli urbane, sculture e stele funerarie.

La sala principale ricorda la vocazione termale e curativa della città di Acqui, presentando la ricostruzione dell'antica fontana della Bollente.

Chiude l'esposizione la sezione dedicata al periodo tardo-antico e medievale.

Curiosità

MONUMENTI CITTADINI

La Bollente, le antiche Terme, l'Acquedotto, la Cattedrale, la chiesa dell'Addolorata (Basilica latina di S.Pietro); mostre d'arte di Palazzo Saracco, di Palazzo Robellini e di palazzo Chiabrera.

NEI DINTORNI

Castelli dell'Alto Monferrato, Roccaverano.

PRODOTTI TIPICI

Vini (Dolcetto d'Acqui, Gavi Dogc, Cortese del Monferrato, Moscato d'Asti, Brachetto di Acqui, Passito di Strevi), robiola di Roccaverano, filetto baciato di Ponzone, tartufo Bianco d'Alba, Amaretti d'Acqui, Torrone di Visone.

SPORT

Equitazione, tennis, golf, piscine.

EVENTI

Acqui in Palcoscenico (luglio-agosto), Premio Acqui Storia, Premio Acqui Ambiente, Fiera di San Guido (2a dom. di luglio), Mercatino di Sgaiento dell'antiquariato, artigianato cose vecchie ed usate che si tiene la quarta domenica di ogni mese nella zona di Corso Bagni.

Servizi

Didattica

Eventi

13 maggio 2018 GIORNATA DEI CASTELLI APERTI
Apertura continuativa 10.00-13.00 16.00-20.00, con visite guidate alle 16.30, 17.30, 18.30.

La struttura aderisce alla Giornata Europea del Patrimonio con ingresso gratuito (settembre).

Indietro

2018
Aperto tutto l'anno.
Dal 1 maggio al 30 settembre: da mercoledì a domenica 10.00-13.00, 16.00-20.00;
dal 1 ottobre al 30 aprile: da mercoledì a sabato 9.30-13.30, 15.30-17.30, domenica 11.00-13.30, 15.30-17.30.

Aperto nelle festività: 6 gennaio; Pasqua (15.30-17.30); 25 aprile; 1 maggio; 2 giugno; 15 agosto; 1 novembre; 8 e 26 dicembre.

VISITE GUIDATE: 13 maggio; 1, 8, 15, 22, 29 luglio; 5, 19, 26 agosto; 2 e 9 settembre.

Visite guidate alle ore 16.30, 17.30 e 18.30 (nei giorni: 13 maggio; 1, 8, 15, 22, 29 luglio; 5, 19, 26 agosto; 2 e 9 settembre)

Visita libera, guidata su richiesta o con audioguida (costo € 2).

Intero € 4; ridotto (7-18 anni, over 65) e gruppi (min. 20 persone) € 2; scuole € 1; gratuito fino a 6 anni, disabili.

Logo Castelli Aperti

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra politica sui cookie.