A Villa Ottolenghi, un pomeriggio all'insegna di danza e arte


A Villa Ottolenghi, Borgo Monterosso di Acqui Terme, sabato 15 ottobre un evento speciale di Castelli Aperti con la performer Gabriella Cerritelli e la chitarra e la musica di Paolo Spaccamonti.

Alle ore 16,00 sarà possibile assistere allo spettacolo creato appositamente per Villa Ottolenghi da Gabriella Cerritelli. Si tratta di una performance di interazione tra danza e musica, laddove la danza si crea istantaneamente in rapporto con la musica, anch'essa improvvisata sul momento attraverso la manipolazione del suono in tempo reale.

L'equilibrio e la tensione tra il movimento e il suono danno vita ad una performance la cui dinamica si gioca sul qui e ora, i cui significati vanno ricercati nell'immediata capacità di narrazione del gesto danzato, nella sua potenzialità drammaturgica e nella gestione del rischio interno alle dicotomie.

Il rapporto tra gli elementi in gioco, la capacità di metabolizzazione del vissuto interiore e la sua espressione in gesto diretto, la sua complementarietà con il suono, il rapporto con l'ambiente circostante, rendono ragione di un momento espressivo di rara intensità e sottile precisione d'insieme uniche ed irripetibili.

Gabriella Cerritelli e Paolo Spaccamonti si sono esibiti con grande successo di pubblico a Venaria Reale nel mese di settembre con la stessa formula di danza e musica che proporranno sabato pomeriggio ad Acqui Terme .


Lo spettacolo si svolgerà presso il Tempio di Herta, spettacolare costruzione pensato come mausoleo della famiglia Ottolenghi - Wedekind che è oggi considerato un capolavoro dell'architettura razionalista.

Si tratta di una maestosa costruzione a pianta circolare in marmo di Candoglia il cui monumentale portale, farà da scenario allo spettacolo di danza. Il Portale è opera dei Maestri Ernesto e Mario Ferrari per lavorazione artistica e meccanica e fa da preludio agli affreschi di Ferruccio Ferrazzi e ai mosaici disegnati dallo stesso pittore e realizzati della scuola musiva di Ravenna.

Il grande parco che circonda l'imponente costruzione era stato battezzato dai conti Ottolenghi "Paradiso terrestre" e ha ospitato opere scultoree di Arturo Martini come "Adamo ed Eva" e "Il leone di Monterosso" che sovrastava l'ingresso del Tempio.


Alle 14 e alle 15 sarà possibile prenotare una visita guidata al Tempio di Herta.
Per prenotazioni: tel. 0144.322177; vittoria@borgomonterosso.com


Lo spettacolo è gratuito mentre la visita guidata a pagamento: 10,00€

 

Logo Castelli Aperti

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra politica sui cookie.