Domenica 31 maggio alla scoperta delle più affascinanti dimore storiche del Roero

Domenica 31 maggio, in provincia di Cuneo, la rassegna consiglia la visita delle due dimore storiche più significative del territorio del Roero: il castello di Monticello e il castello di Govone.

 

Il castello di Monticello sarà aperto dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.00. Dopo aver percorso il giardino all'italiana dall'originale geometria a forma di chiocciola intorno all'edificio, disegnato dall'architetto della corte Sabuauda, Kurten, si accede al piano terreno dallo scalone di pietra dove inizia la visita guidata.
Nella sala d'armi si trovano antiche armature medioevali e una preziosa raccolta di armi di tutti i tempi. Una breve tappa nei sotterranei, ambienti di servizio utilizzati talvolta come cantine, talaltra come prigioni. Passando dinnanzi alla Cappella gentilizia, si accede poi, dalla doppia rampa di scale della torre rotonda, alla maestosa galleria con i ritratti degli antenati.
Nella sala del biliardo si trova lo storico archivio della famiglia. Alle pareti si notano due arazzi su seta, che appartennero ai condottieri crociati del Casato Rotario.
Finemente arredato è il salottino attiguo, di gusto tipicamente barocco. Il cortile interno è particolarmente interessante per essere rimasto intatto nella sua struttura originaria del 1300, con finestre ad arco, galleria ad archi e torre ottagona.

 

Il castello di Govone è visitabile dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00. Il salone centrale colpisce per gli affreschi in chiaroscuro del pittore Luigi Vacca, che ripropongono il mito di Niobe. Le decorazioni pittoriche degli appartamenti reali a soggetto mitologico sono opera di Carlo Pagani e Andrea Piazza.
Si possono ammirare le raffinate decorazioni in legno di alcuni soffitti e i pregiati lavori di ebanisteria che arricchiscono i pavimenti e le porte, opera dello scultore Bonzanigo. Quattro sale custodiscono preziose tappezzerie cinesi, espressione della moda del tempo. Inoltre, domenica 31 maggio è l'ultima occasione per godere dell'esposizione
Il visitatore, a fine percorso, può scoprire in autonomia il fascino dei giardini all'italiana e dei viali del parco settecentesco, opera dell'architetto paesaggista Xavier Kurten. Si segnala inoltre il roseto, ricostruito sul catalogo del giardiniere Delorenzi del 1850 dove si citava una collezione di rose antiche nel giardino dei Savoia.

 

 

Tutte le aperture in provincia di Cuneo domenica 31 maggio
Castello del Roccolo: dalle 10.00 alle 19.00
Filatoio di Caraglio: dalle 10.00 alle 19.00
Giardini del castello di Castiglione Falletto: dalle 15.00 alle 18.00
Palazzo Sariod De La Tour a Costigliole Saluzzo: dalle 10.00 alle 19.00
Museo Mallé a Dronero: dalle 14.30 alle 19.00
Castello degli Acaja a Fossano: visite guidate alle 11.00 e alle 15.00
Castello Reale di Govone: dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00
Castello di Magliano Alfieri: dalle 10.00 alle 18.00
Castello di Mango: dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 19.00
Castello della Manta: dalle 10.00 alle 18.00
Castello di Monticello: dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14,30 alle 18.00
Castello Reale di Racconigi: dalle 9.00 alle 19.00
Castello di Rocca De' Baldi: dalle 14.30 alle 18.30
Castello di Saliceto: 1° visita alle 15.00, 2° visita alle 16.30
Giardino Botanico di Villa Bricherasio a Saluzzo: dalle 9.30 alle 12.30; dalle 14.30 alle 19.00
Palazzo Taffini d'Acceglio a Savigliano: dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30
Museo Civico Antonino Olmo e Gipsoteca D. Calandra di Savigliano: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.30
Torre Civica di Savigliano: dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30
Castello di Serralunga: ore 11.00-13.00 e 14.00-18.00 (ultima visita alle 17.15)

 

Logo Castelli Aperti

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra politica sui cookie.