ASTI CONTEMPORANEA. Collezioni private

La storia dell'arte italiana, a partire dal secondo dopoguerra, attraverso una settantina di opere provenienti dalle collezioni astigiane. A Palazzo Mazzetti (Corso Vittorio Alfieri, 357 - Asti), fino al 29 novembre 2015, "ASTI CONTEMPORANEA. Collezioni private", esposizione collettiva curata da Maria Federica Chiola con un testo critico di Raffaella A. Caruso.

 


Promossa da Fondazione Palazzo Mazzetti e Città di Asti, in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, con il patrocinio di Regione Piemonte e Provincia di Asti, la mostra sarà inaugurata venerdì 16 ottobre alle ore 18.00.

 


In esposizione, settantadue opere realizzate da cinquantuno artisti, tra i quali Giuseppe Capogrossi, Carla Accardi, Giulio Turcato, Piero Dorazio, Mimmo Rotella, Afro, Lucio Fontana, Piero Gilardi, Valentino Vago, Getulio Alviani, Giorgio Griffa, Alighiero Boetti e Paolo Cotani.

 


Il progetto nasce dal profondo interesse che la città di Asti nutre per l'arte a partire dagli anni '40, con mostre, premi ed un collezionismo radicato. Ne costituiscono un esempio la "Mostra Nazionale d'Arte Contemporanea e di Scenografia", inaugurata nel 1949 per celebrare il bicentenario della nascita di Vittorio Alfieri, e la prima edizione del Premio Alfieri (1950).
Proprio per questo, "ASTI CONTEMPORANEA" nasce grazie ai collezionisti della città che hanno messo a disposizione di Palazzo Mazzetti un ricco patrimonio di opere acquisite negli anni. La mostra va dunque a rileggere, in sale organizzate per anni e per temi, la storia dell'arte italiana dal dopoguerra al boom economico e ai nuovi linguaggi, attraverso gli occhi del collezionismo di soli prestatori astigiani, le cui opere si sono rivelate espressione della valenza del territorio attraverso arte e cultura.
Come scrive Raffaella A. Caruso nel testo critico in catalogo, «Raccogliere un'opera d'arte, farla propria, permetterle di dialogare con sue simili, creare connessioni impreviste, ambientare il lavoro in contesti spesso improbabili significa espandere la possibilità di comunicazione dell'opera stessa, concorrere a una funzione educativa nel proprio contesto sociale, migliorare nel bello la propria qualità di vita, restituire ai posteri uno spaccato della società con una personalissima sensibilità, spesso precorrere i tempi, anticipare le tendenze, poter dire vent'anni dopo io c'ero».

 

Il filo rosso della mostra, interpretato graficamente dalla curatrice nella scomposizione del logo di Palazzo Mazzetti, che ricorre negli allestimenti e nel catalogo, rappresenta il persistere di un'idea che, sin dall'origine, intendeva identificare Palazzo Mazzetti come luogo d'arte e cultura. «Un sottile filo rosso -spiega Maria Federica Chiola - da subito parte del progetto e chiaro nella mente, ha tenuto insieme tutti gli elementi, quadri e pensieri, fino alla realizzazione del percorso. Da architetto so che non esiste mai un progetto che venga realizzato come inizialmente pensato: c'è come una provvidenziale forza che guida e raccoglie tutte le energie».
Il filo rosso, trasformato graficamente dalla curatrice in "Fil - Rouge", diventa opera in realtà aumentata con l'intervento dell'artista Aidan che rende il catalogo interattivo regalando allo spettatore emozioni inattese e permettendogli di rivivere l'intera esposizione.
Il visitatore sarà guidato di sala in sala da alcune pareti rosse a ricordare, insieme al bianco, i colori della città di Asti, a cui è dedicata una piccola stanza. Il percorso espositivo comprende anche tre opere (Giuseppe Capogrossi, Antonio Corpora, Giuseppe Santomaso) da cui sono stati tratti alcuni degli arazzi realizzati nel 1960 per la nave transoceanica Leonardo da Vinci dall'arazzeria Scassa, vanto della città, a partire da una selezione operata da Giulio Carlo Argan.

 

Orari: da martedì a domenica ore 10.30-18.30 (ultimo ingesso ore 17.30)

 

Costi:
Il biglietto d'ingresso al museo di Palazzo Mazzetti consente l'accesso gratuito alla mostra.

 

PER INFORMAZIONI
Palazzo Mazzetti Corso Vittorio Alfieri, 357 - 14100 Asti Tel. 0141 530403 info@palazzomazzetti.it

 

Logo Castelli Aperti

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra politica sui cookie.